Le Chicche Bio Arco

Le Chicche nasce il 20 dicembre 2015, l'intento è quello di proporre prodotti di qualità senza compromessi. Nel laboratorio si producono pane speciale, pasta integrale, di legumi, pasticceria secca e specialità gastronomiche mediante l'utilizzo esclusivo di prodotti organici. Tutto questo avviene in una location spettacolare, nel cuore della "Busa", a pochi minuti dal Lago di Garda, ed è proprio questo territorio dalle note mediterranee il segreto del loro successo; le materie prime infatti, genuine e da agricoltura biologica molto spesso provenienti dalle nostre valli Trentine, danno forma e sostanza ad una produzione unica e di eccellenza.

Il rispetto dell'ambiente è altro punto fondamentale della nostra filosofia e la certificazione biologica dei prodotti utilizzati e trasformati è la naturale conseguenza di uno stile alimentare quotidiano attento all'ambiente e alla salute.

Durante il nostro percorso infatti abbiamo avuto modo di collaborare con aziende locali aventi gli stessi principi e le stesse attenzioni, piccole aziende con grandi attenzioni al futuro di tutti, in particolare aziende agricole di montagna nelle quali il rispetto della terra è inciso nel DNA. Nascono dunque le prime chicche a km zero. Il primo obbiettivo raggiunto è quello della conversione della produzione della biscotteria esclusivamente con farine locali, integrali e macinate a pietra, impreziosite dalle molteplici qualità del germe di grano.

Altrettanto importanti altre lavorazioni con prodotti locali, qui di seguito vengono citati alcuni altri esempi: la pasta di Farro Antigola e Farvento, quella al Teroldego biodinamico (vino autoctono trentino), il Pan di Molche della Nonna Gina con molche biologiche, la Pagnotta delle Dolomiti con Noci del Bleggio, pane con la zucca della Val di Gresta, la Pagnotta del Garda con grano, farro e l'Olio Extravergine di Olive Casaliva da poco riconosciuto Presidio Slow Food; quest'ultima pagnotta è stata riconosciuta e premiata come miglior pane delle Alpi in occasione del Concorso Cultura del Pane nelle Alpi che si è svolto a settembre presso il Muse di Trento ideato e promosso dal Dott. Angelo Giovanazzi, di Alpi Bio Baldensis. La giuria composta da tecnici qualificati come i membri dell'Istituto Nazionale Assaggiatori Pane (INAP), giornalisti, insegnanti dell'Istituto Alberghiero delle Arti Bianche di Rovereto e un antropologo, ha valutato i pani dal punto di vista della ricerca delle materie prime, della loro qualità e sapidità e dell'impegno nella comunicazione e diffusione di questo stile di vita necessario per salvaguardare le generazioni future in termini di salute ma non solo.

Ultimo ma non per importanza l'impegno a ridurre al minimo i rifiuti e l'impatto ambientale, e quale miglior modo di valorizzare questi prodotti già eccellenti se non un packaging completamente compostabile? Già, le confezioni utilizzate sono tutte compostabili o biodegradabili: i vasetti per biscotti e snack sono in polpa di cellulosa e PLA e i sacchetti in cellophane biodegradabile hanno sostituito i vecchi sacchetti di plastica che contengono la pasta.

Per saperne di più...